Mahias e Oettl ai piedi del podio ad Aragon nella prima gara del 5°round

Si sono disputate oggi al Motorland Aragon in Spagna la Superpole e la prima gara del quinto round del Campionato Mondiale Supersport, al quale il Kawasaki Puccetti Racing partecipa con i suoi due piloti Lucas Mahias e Philipp Oettl.

Al termine delle prime due sessioni di prove libere di ieri, Mahias occupava la terza posizione mentre Oettl la nona. Questa mattina nel terzo ed ultimo turno di libere, ottima prestazione del pilota tedesco che è riuscito a migliorare il suo best lap di un secondo e mezzo. Con il tempo di 1’53”755 Philipp si è portato al secondo posto della classifica cumulativa delle tre sessioni. Mahias non ha purtroppo potuto scendere in pista, a causa di una penalizzazione inflittagli a seguito di un contatto con un altro pilota, nel corso delle FP2 di ieri.

Nella quinta Superpole stagionale che si è disputata in tarda mattinata Mahias (1’54”034) ha ottenuto il quinto posto, proprio davanti al suo compagno di squadra Oettl (1’54”186), quinto nonostante una scivolata ad alta velocità. Entrambi hanno quindi preso il via dalla seconda fila, nella gara che si è disputata nel pomeriggio, sulla distanza di 15 giri.

Mahias partiva bene allo spegnersi del semaforo e recuperava una posizione. Pur cercando di incrementare il proprio ritmo, il francese non riusciva a raggiungere i piloti che lo precedevano e manteneva il quinto posto sino al traguardo. Oettl portava a termine una gara molto simile a quella del suo compagno di squadra. Quinto dopo pochi giri, il pilota tedesco teneva la ruota di Mahias, senza riuscire ad aumentare il proprio  passo di gara e transitando al quinto posto sotto la bandiera a scacchi.

La classifica del campionato vede Mahias in terza posizione con 99 punti, mentre Oettl è quinto con 87.

Domani, sempre sulla pista aragonese, i due piloti del Kawasaki Puccetti Racing disputeranno la seconda gara di questo quinto round del WorldSS.

Motorland Aragon – Alcaniz – Spagna

Campionato mondiale Supersport

Classifica cumulativa delle tre sessioni di prove libere: 1) Locatelli (Yamaha) – 2) Oettl (Kawasaki) – 3) De Rosa (MV Agusta) – 4) Cluzel (Yamaha) – 5) Oncu (Kawasaki) – 6) Perolari (Yamaha) – 7) Vinales (Yamaha) – 8) Mahias (Kawasaki)

Superpole: 1) Locatelli (Yamaha) – 2) Vinales (Yamaha) – 3) De Rosa (MV Agusta) – 4) Cluzel (Yamaha) – 5) Mahias (Kawasaki) – 6) Oettl (Kawasaki) – 7) Soomer (Yamaha)

Gara 8: 1) Locatelli (Yamaha) – 2) De Rosa (MV Agusta) – 3) Cluzel (Yamaha) – 4) Mahias (Kawasaki) – 5) Oettl (Kawasaki) – 6) Gonzales (Kawasaki)

Lucas Mahias: “Questa non è stata certo la mia miglior gara, ma ritengo di aver fatto il massimo che potevo fare. Oggi ho spinto forte dall’inizio alla fine, sfruttando al massimo il set up della mia moto. Quando la temperatura è un poco più fresca è tutto più facile, come lo era stato ad esempio lo scorso weekend, quando anche la direzione del vento ci era stata favorevole. Purtroppo in questa gara la temperatura è stata molto alta e non ho trovato un buon feeling ne con l’anteriore e nemmeno con il posteriore della mia moto. Non è stata certo una buona gara per me”.  

Philipp Oettl: “Questa mattina avevo trovato un buon feeling con la mia moto ed avevo concluso le prove libere al secondo posto.  Nelle qualifiche ero in una buona posizione ma purtroppo sono scivolato. La cosa positiva è che siamo rimasti comunque tutti e due in seconda fila, che non è male per la partenza. Purtroppo ho dovuto ritrovare il feeling con la mia moto. In gara l’aderenza è stata molto scarsa e dobbiamo migliorare qualcosa nel nostro set up perché non so di preciso dove stia il problema. Le condizioni sono cambiate in questo fine settimana e quindi dovremo apportare qualche cambiamento all’assetto della moto. Anche considerando la scivolata in Superpole, onestamente posso dire di essere soddisfatto del mio quinto posto, in quanto avevo perso un poco di confidenza con la moto dopo una caduta a 160 km/h. E’ stata una caduta ad alta velocità ma abbiamo recuperato subito. Per domani spero di poter essere più veloci sino al termine della gara”.        

Lascia un commento