Prima giornata di prove SBK per Fores sulla pista di Jerez

E’ iniziato oggi a Jerez il secondo round del campionato mondiale Superbike. Il Kawasaki Puccetti Racing è reduce dalle due gare disputate a Misano Adriatico, nelle quali Xavi Fores ha conquistato un terzo ed un secondo posto. Due podi virtuali visto che lo spagnolo partecipava come wild card proprio per prepararsi a questo round del mondiale che si corre sulla sua pista di casa.

Questa mattina, in una giornata soleggiata e molto calda, Fores ha disputato la prima sessione di prove libere, che al di la del tempo sul giro (1’41”704) che gli è valso la diciassettesima posizione, è servita al pilota ed alla sua squadra per iniziare ad adattare l’assetto della sua ZX-10R alla pista andalusa.

Nel pomeriggio, con temperature ancora più elevate rispetto al turno del mattino, si è disputato il secondo turno di libere, che il pilota del Kawasaki Puccetti Racing ha terminato al diciottesimo posto con il crono di 1’41”820. Nella classifica cumulativa delle due sessioni odierne Xavi chiude diciottesimo.  

Domani mattina Fores disputerà il terzo ed ultimo turno di prove libere e la Superpole, mentre nel primo pomeriggio tornerà in pista per la prima gara del weekend.

Circuito Angel Nieto – Jerez – Campionato mondiale Superbike

Classifica cumulativa delle due sessioni di prove libere: 1) Baz (Yamaha) – 2) rea (Kawasaki) – 3) Rinaldi (Ducati) – 4) Bautista (Honda) – 5) Redding (Ducati) ………18) Fores (Kawasaki).

Xavi Fores: “Questa mattina abbiamo riscontrato alcuni dei problemi che si erano evidenziati anche nelle gare di Misano, ma nel pomeriggio la squadra ha lavorato molto bene ed insieme abbiamo migliorato l’assetto della nostra Ninja. Non sono riuscito a migliorare il mio tempo sul giro soltanto perché una volta montata la gomma nuova, mi sono accorto di non avere grip, e quindi non ho potuto sfruttare i minuti finali per migliorarmi. Non abbiamo capito cosa possa essere successo, ma al di la del tempo sul giro sono molto contento perché il mio best lap è stato fatto con una gomma che aveva percorso 18 giri e questo vuol dire che abbiamo già un buon passo gara. Per domani possiamo migliorarci ulteriormente, ma ora posso guidare come mi piace e posso dire di avere il controllo totale della mia moto. Grazie ai miei tecnici che hanno fatto un  grande lavoro”.

Lascia un commento