Le condizioni della pista rendono difficili le prove libere di Mahias e Okubo a San Juan

Il Kawasaki Puccetti Racing ha iniziato oggi sul circuito San Juan Villicum in Argentina l’undicesimo round del campionato mondiale Supersport. Reduce dalla fantastica vittoria ottenuta da Lucas Mahias nel precedente appuntamento di Magny Cours, la squadra di Manuel Puccetti affronta questo penultimo round del campionato per confermarsi ai vertici della categoria.

Purtroppo le condizioni della pista argentina si sono rivelate pessime, con il tracciato sporco e polveroso, e questo ha reso difficile il lavoro dei tecnici e dei piloti. La prima sessione di prove libere si è disputata in una giornata molto calda e ventosa. Mahias (1’48”098) ha chiuso al sesto posto, con Hikari Okubo (1’48”630) al nono.

Nella seconda sessione disputata nel pomeriggio la pista era solo leggermente migliorata, ma sempre in condizioni precarie. Solo Mahias è riuscito a migliorare la prestazione del mattino, e fermando i cronometri sul tempo di 1’46”566 ha terminato le libere odierne al sesto posto. Con il tempo di 1’49”949 Okubo non ha abbassato il suo best lap ed è scivolato al quattordicesimo posto nella classifica combinata delle due sessioni.

Domani entrambi disputeranno la terza ed ultima sessione di prove libere, per poi impegnarsi al massimo nella Superpole del pomeriggio, che definirà la griglia di partenza della gara di domenica.   

Circuito San Juan Villicum – Argentina – Campionato mondiale Supersport 600

Classifica cumulativa delle due sessioni di prove libere: 1) Perolari (Yamaha) – 2) Caricasulo (Yamaha) – 3) Krummenacher (Yamaha) – 4) Badovini (Kawasaki) – 5) Cluzel (Yamaha) – 6) Mahias (Kawasaki) ……… 14) Okubo (Kawasaki)

Lucas Mahias: “Oggi la moto ha funzionato bene, ma la pista è un disastro. E’ incredibile che un campionato mondiale si debba correre su una pista in queste condizioni che mettono a repentaglio la sicurezza dei piloti. Spero che domani il tracciato sia migliore perché non si può correre su una pista come quella di oggi. Siamo partiti dal set up utilizzato a Magny Cours ed ho trovato subito un buon feeling con la moto per cui sono ottimista per la Superpole di domani e ringrazio la mia squadra per il lavoro svolto”.  

Hikari Okubo: “Sono state due sessioni difficili. Questa mattina abbiamo lavorato molto con la squadra sulla moto e le cose non sono andate male. Nel pomeriggio invece, anche a causa delle condizioni della pista, ho chiuso solo al quattordicesimo posto e quindi domani dovrò impegnarmi al massimo per conquistare una buona posizione sulla griglia di partenza della gara di domenica. Il grosso problema è che questa pista, in queste condizioni è davvero pericolosa e bisogna stare molto attenti a non cadere. Non è possibile che un campionato importante come il nostro debba correre su un tracciato pieno di sabbia, che mette a repentaglio la sicurezza dei piloti”.  

Lascia un commento