Quinto posto per Mahias e undicesimo per Okubo nelle prove libere WorldSSP a Misano

Giornata soleggiata e calda quella odierna al Misano World Circuit, dove ha avuto inizio il settimo round del campionato mondiale Supersport. I due piloti del Kawasaki Puccetti Racing, Lucas Mahias e Hikari Okubo, sono scesi in pista questa mattina per disputare la prima sessione di prove libere nella quale il pilota francese ha chiuso al quarto posto con il tempo di 1’40”241, mentre il pilota giapponese ha terminato in ottava posizione con il crono di 1’41”136. 
La sessione del pomeriggio si è disputata con temperature elevate ed un asfalto vicino ai 50 gradi. Su di una pista molto scivolosa nessuno dei due piloti del Kawasaki Puccetti Racing ha potuto migliorare il suo giro veloce. Mahias (1’40”836) ha terminato al quinto posto, mentre Okubo (1’41”226) ha concluso in undicesima posizione.
Domani mattina entrambi torneranno in pista per l’ultimo turno di prove libere, in preparazione alla Superpole che stabilirà le posizioni sulla griglia di partenza della gara di domenica.

Misano World Circuit – Italia – Campionato mondiale Supersport 600
Classifica cumulativa delle due sessioni di prove libere: 1) Caricasulo (Yamaha) – 2) De Rosa (MV Agusta) – 3) Krummenacher (Yamaha) – 4) Cluzel (Yamaha) – 5) Mahias (Kawasaki)………..11) Okubo (Kawasaki) 

Lucas Mahias: “Sono contento del lavoro che ho svolto assieme alla mia squadra. Questa mattina abbiamo provato diversi assetti, mentre nel pomeriggio lavorato pensando solo alla gara. Abbiamo fatto anche una simulazione di gara di oltre 16 giri, ma ancora non abbiamo identificato la gomma che utilizzeremo domenica. La mia posizione in classifica non è entusiasmante, ma oggi era più importante lavorare in funzione della gara di domenica. Ringrazio la mia squadra che ha fatto un ottimo lavoro”. 

Hikari Okubo: “Oggi abbiamo fatto un long run in funzione della gara di domenica ed abbiamo raccolto molti dati interessanti. La pista oggi era molto scivolosa ed abbiamo dovuto trovare un assetto completamente diverso rispetto a quello di Jerez, dal quale eravamo partiti inizialmente. La mia posizione finale non mi soddisfa, ma oggi era importante preparare la moto per la Superpole di domani e per la gara di domenica. Grazie alla mia squadra che anche oggi ha lavorato tanto per me”. 
.

Lascia un commento