Gara difficile per Sofuoglu e Okubo a Phillip Island

Phillip Island, 25 febbraio 2018. Per i piloti del team Kawasaki Puccetti Racing si conclude un fine settimana difficile sul circuito australiano di Phillip Island, teatro del primo round WorldSSP della stagione 2018.
Dopo essere stato vittima di una brutta caduta a 240 km/h durante il turno di FP3, il cinque volte campione del mondo Kenan Sofuoglu ha ottenuto il terzo miglior tempo nel turno di Superpole 2, mentre Hikari Okubo si è classificato 12esimo.
Per motivi di sicurezza, a seguito della caduta del pilota turco e di alcune problematiche alle gomme riscontrate anche da altri piloti e dovute al particolare asfalto abrasivo di Phillip Island, la gara Supersport di oggi si sarebbe dovuta correre sulla distanza di 16 giri con un “flag-to-flag” obbligatorio tra il settimo e il nono passaggio sul traguardo.
Scattato dalla seconda posizione dello schieramento, revisionato dopo l’assegnazione di alcune penalità ad altri piloti, Kenan Sofuoglu è scivolato in terza posizione, ma al secondo giro l’esposizione della bandiera rossa successiva ad una caduta ha fermato la gara.
La ripartenza è stata decisa sulla distanza di nove giri, eliminando la necessità di fermarsi nuovamente ai box per il cambio gomma. Partito nuovamente secondo in griglia, Sofuoglu ha cercato fin da subito di lottare per le prime posizioni ma, dopo qualche giro, il pilota del team di Reggio Emilia ha iniziato ad avvertire una strana vibrazione e per evitare di incappare in un incidente simile a quello del giorno prima, ha rallentato cercando di difendersi fino all’ultimo, ma chiudendo solo 13esimo.
Sfortunata anche la gara di Hikari Okubo. Scattato bene dalla 10ima posizione in griglia, il giapponese è stato vittima di una caduta al primo giro a seguito di un contatto con un altro pilota.
Dopo essere riuscito a ripartire, la gara è stata interrotta permettendo alla squadra di intervenire sulle parti danneggiate. Alla ripartenza però, il calo improvviso degli pneumatici e la perdita di feeling dopo la caduta hanno portato il pilota 24enne a chiudere solo 14esimo.
Nonostante il risultato, il team Kawasaki Puccetti Racing conclude il fine settimana raccogliendo punti importanti per il campionato e, dopo questa difficile prima prova, tornerà in pista tra circa un mese sul caldo circuito thailandese di Buriram il 23-25 marzo, con l’obiettivo di riscattarsi dopo il round australiano.

WorldSSP
Kenan Sofuoglu, #54 – P13 (+19.210)

È stato un fine settimana davvero difficile per me. Nelle FP3 di sabato mattina ho avuto un problema alla gomma posteriore e sono stato vittima di una brutta caduta. Ho riportato diverse ferite, ma queste fortunatamente non mi hanno impedito di battagliare oggi. Purtroppo però dopo l’inizio di gara ho capito che non ero abbastanza veloce per riuscire a sostenere il passo di oggi. Il ritmo era molto più elevato rispetto alla Superpole. Ho spinto al massimo, ma dopo qualche giro ho iniziato ad avvertire una strana vibrazione e ho preferito rallentare per evitare di incappare in un incidente simile a quello di ieri. Oggi in gara abbiamo perso molti punti, ma ciò non mi preoccupa. Dobbiamo invece lavorare molto per migliorare il nostro setup per tornare ad essere veloci e competitivi nelle prossime gare.

 

WorldSSP
Hikari Okubo, #78 – P14 (+19.359)

Purtroppo la gara non è andata esattamente come ci aspettavamo. Dopo una buona partenza, alla prima curva ho trovato alcuni piloti più lenti sulla mia traiettoria. Ci siamo toccati e sono caduto. Fortunatamente la mia moto non ha subito molti danni; sono riuscito a ripartire e alla bandiera rossa ho potuto prendere il via anch’io alla seconda parte di gara. I meccanici hanno ripristinato in pochissimo tempo la moto, ma dopo il restart il mio feeling non era più lo stesso. Dopo qualche giro le gomme sono calate parecchio ed è stato impossibile per me battagliare con gli altri. L’unica cosa positiva del fine settimana è che siamo riusciti a raccogliere qualche punto. A Phillip Island sono due anni che a causa di infortuni non riesco a portare a termine il fine settimana. Noi non ci arrenderemo e ci riproveremo in Thailandia. Un grazie a tutti i miei sostenitori e ai miei sponsor.

Lascia un commento